Il team più copiato del futuro 

VISIT US
OVER 20 YEARS ON ROAD RACING WORLD
OUR SUPER SERVICES

- Brand Promotion

- Corsi di guida Moto / Auto

- Noleggio Pista in Esclusiva

- Eventi, Promozioni, Demo

- Test & Collaudi di mezzi e accessori

  • Facebook Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • Google+ Social Icon
  • YouTube Social  Icon
  • FOLLOW BARRY'S INSTAGRAM

© 2017 by RNR RACING GROUP Proudly created with Wix.com

Sport Headquarter:

C/O Tolmezzo Track

Via Tagliamento 1

33028 Tolmezzo (UD)

ITALIA

DIVENTA UNO DI NOI!

ASSOCIARSI CON NOI:

 

Chiunque desidera partecipare attivamente alle nostre iniziative od eventi, può aggregarsi come socio della nostre ASD; prima di richiedere il vostro tesseramento, chiunque deve prendere visione dello statuto, per essere certo di condividere principi e finalità della nostra associazione

 

 ROCKNROAD RACING E' AFFILIATA ACSI e CONI

ORGANIGRAMMA ASD

PRESIDENTE:

FABRIZIO BARRY RIVELLINI

VICEPRESIDENTE

LUCA LUIGI MARCHESI

SEGRETARIO

FRANCESCO MENASSI

STATUTO DELL’ASSOCIAZIONE
SPORTIVA DILETTANTISTICA E SOCIALE
“ ROCKNROAD RACING “


Art.1) – COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE, SEDE, DURATA
E’ costituita l’associazione Sportiva Dilettantistica e di Promozione Sociale, senza finalità di lucro, denominata ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA E SOCIALE “ ROCKNROAD RACING ”
L’Associazione ha sede legale in Via Rinascita, n° 19, cap 30020 Loncon di Annone Veneto (VE).
- L’Associazione potrà comunque esplicare la propria attività sull’intero territorio Nazionale Nazionale ed anche all’estero. Con delibere del Consiglio Direttivo possono essere istituite diverse sedi operative e/o può essere modificata la sede legale senza necessità di integrare la presente scrittura.
La durata dell’Associazione è a tempo indeterminato.

Art. 2) - NATURA E SCOPI
Sono compiti dell’Associazione:
- contribuire allo sviluppo sportivo, culturale e civile dei cittadini e alla sempre più ampia diffusione della democrazia e della solidarietà nei rapporti umani, nonché alla pratica e alla difesa delle libertà civili, individuali e collettive;
- avanzare proposte agli Enti sportivi e pubblici partecipando attivamente alle forme decentrate di gestione democratica del potere locale, per una adeguata programmazione sportiva sul territorio.
L’Associazione si affilia all’ Associazione Italiana Cultura Sport – Ente di promozione Sportiva riconosciuto dal CONI ed Ente di Promozione Sociale, accettando incondizionatamente di conformarsi alle norme ed alle direttive del CONI ed a tutte le disposizioni statutarie del medesimo Ente di promozione.
L’Associazione si impegna ad accettare eventuali provvedimenti disciplinari che gli organi competenti dell’Ente di Promozione stesso dovessero adottare a suo carico. Costituiscono quindi parte integrante del presente statuto e dei regolamenti dell’Ente nella parte relativa all’organizzazione o alla gestione delle società affiliate. L’Associazione ha, quindi, per scopo principale quello di favorire lo sviluppo delle attività sportive dilettantistiche fornendo adeguata assistenza ai propri associati e/o tesserati della Organizzazione Nazionale di appartenenza: ciò si realizza attraverso la promozione, la diffusione e l’esercizio di attività sportive dilettantistiche nei vari settori ma con particolare finalità ed interesse per le attività motoristiche in genere, oltre a tutto ciò che riguarda il mondo dello sport e le attività ad esso collegate ancorché esercitate con modalità competitive;
- promuovere attività, tecniche ed applicazioni rivolte ad ottimizzare lo stato fisico in relazione alla disciplina sportiva praticata;
- organizzare iniziative, gare, stages, corsi, incontri, servizi, attività sportive e manifestazioni varie per diffondere la pratica delle discipline praticate in Italia ed all’estero;
- organizzare iniziative, servizi, attività culturali, turistiche, ricreative atte a soddisfare le esigenze di conoscenza e di ricreazione dei soci;
- porre in essere operazioni di natura commerciale in conformità alla normativa in vigore in materia di enti non commerciali.
E’ compresa l’attività didattica per l’avvio, l’aggiornamento e il perfezionamento nelle attività sportive.
L’attività include la gestione degli impianti e delle attrezzature e può riguardare anche l’organizzazione di lezioni, convegni, manifestazioni, eventi, gare, campus, master class, corsi tecnici e stage di aggiornamento, gite sociali.
Organizzare attività culturali e ricreative in genere, musica, manifestazioni, festival, concertini, spettacoli, visioni cinematografiche e televisive, ballo in tutte le sue forme e stili, mostre, esposizioni, stages e concorsi, per poter soddisfare le esigenze di conoscenza, di svago e di ricreazione dei soci.
L’Associazione organizza, inoltre, in favore dei propri associati attività di promozione sociale.
Tutti i servizi sportivi e sociali, inclusi quelli relativi all’eventuale attivazione di un bar sociale, condotto direttamente, potranno essere forniti verso pagamento di corrispettivi specifici in relazione alla maggiore o diversa prestazione alla quale hanno diritto. Per raggiungere gli scopi sociali l’Associazione potrà compiere tutte le necessarie operazioni mobiliari ed immobiliari e potrà altresì – pur non avendo fini di lucro – svolgere delle attività economiche in conformità alla normativa in vigore in materia di Enti non commerciali (ad esempio vendita di materiali e prodotti inerenti alle attività svolte, abbigliamento sportivo, organizzazione di eventi per conto terzi, sponsorizzazioni, pubblicità ) sia rivolte ai soci ma anche a terzi, aziende, enti pubblici e privati, purché strumentali al raggiungimento degli scopi sociali. Gli eventuali utili andranno interamente reinvestiti nell’Associazione per il perseguimento esclusivo dell’attività sportiva.

Art. 3) – PATRIMONIO ED ENTRATE
Il patrimonio e le entrate sono costituite:
a) dalle quote di iscrizione e dai contributi degli associati;
b) dai beni mobili che diverranno proprietà dell’Associazione;
c) da eventuali fondi di riserva costituiti con le eccedenze di rendiconto;
d) dai versamenti aggiuntivi effettuati dagli associati e/o tesserati della organizzazione nazionale di appartenenza in relazione alle varie attività sociali;
e) da contributi di soggetti pubblici o privati;
f) dai proventi derivanti da attività economiche collaterali.
Durante la vita dell’Associazione non possono essere distribuiti, ancorché in modo indiretto, utili, avanzi di gestione, fondi, riserve o capitale.
L’esercizio finanziario va dal 1 gennaio al 31 dicembre di ogni anno.

Art. 4) SOCI DIRITTI / DOVERI
Le categorie dei soci sono le seguenti:
a) Soci Fondatori: sono coloro che hanno promosso la fondazione dell’Associazione e firmato l’Atto Costitutivo; i diritti-doveri dei soci fondatori sono uguali a quelli degli ordinari;
Soci Ordinari: sono coloro che fanno domanda di ammissione al Presidente o al vicepresidente i quali possono deliberare in merito.
Per essere ammessi a socio è necessario presentare domanda al Consiglio Direttivo con l’osservanza delle seguenti modalità ed indicazioni:
1) indicare nome e cognome, luogo e data di nascita;
2) dichiarare di attenersi al presente Statuto ed alle deliberazioni degli organi sociali.
E’ compito del Consiglio Direttivo dell’Associazione o di altro Socio da Esso delegato, anche verbalmente, valutare in merito all’accettazione o meno della domanda. L’accettazione, seguita dall’iscrizione al libro soci, dà diritto immediato a ricevere la tessera sociale, acquisendo quindi la qualifica di “socio”. 
Possono essere ammessi a far parte dell’Associazione tutti i cittadini che ne facciano richiesta, dichiarando di condividerne gli scopi sociali; per i minori è necessario l’assenso di un genitore.
Possono far parte dell’Associazione, in qualità di soci, sia persone fisiche sia Enti e/o Associazioni. 
L’ammissione può essere rifiutata solo per gravi motivi che comunque non devono essere verbalizzati né comunicati. 
L’iscrizione ha validità dodici mesi dalla data di ammissione e si rinnova automaticamente col versamento della quota associativa. Non sono ammessi i soci temporanei. La quota sociale è intrasmissibile e non è rivalutabile. L’adesione all’Associazione comporta:
a) piena accettazione dello statuto sociale, delle sue finalità e degli eventuali regolamenti;
b) la facoltà di utilizzare la sede sociale e le sue infrastrutture facendone un uso corretto;
c) il pagamento della tessera, delle quote associative periodiche e per le varie attività e servizi nonché dei contributi;
d) mantenere rapporti di rispetto con gli altri soci e gli organi dell’Associazione. Il socio può recedere dall’associazione senza diritto ad alcun compenso, rimborso o indennità, dandone comunicazione scritta al Consiglio Direttivo:
La perdita della qualità di socio può avvenire per:
a) morosità;
b) non ottemperanza alle disposizioni statutarie e regolamentari;
c) quando in qualunque modo si arrechino danni morali o materiali all’Associazione;
d) per comportamento scorretto.
Le espulsioni saranno decise dal Consiglio Direttivo senza obbligo di preavviso ed a effetto immediato. E’ ammesso il ricorso all’Assemblea, in tal caso il provvedimento di espulsione resta sospeso sino alla delibera assembleare. Le attività svolte dai soci e soci amministratori in favore dell’Associazione sono, salvi i rimborsi spesa e le indennità di trasferta, effettuate a titolo assolutamente gratuito e di liberalità.

Art. 5) QUOTE SOCIALI
Gli importi delle quote di iscrizione, delle quote contributive dovute dagli associati e dell’ammontare dei versamenti aggiuntivi per le attività e servizi sociali e complementari, vengono stabiliti dal Consiglio Direttivo il quale ne prevede anche i termini e le modalità di pagamento.

Art. 6) ASSEMBLEA / BILANCIO
L’Assemblea è sovrana. Essa è formata da tutti i soci fondatori ed ordinari. Tutti i soci maggiorenni vi hanno diritto di voto in ragione di un voto ciascuno ( Art. 2532 c.c.) . L’Assemblea, previa convocazione del Presidente dell’Associazione (mediante avviso affisso all’albo almeno 10 giorni prima dello svolgimento della stessa), si riunisce in via ordinaria una volta all’anno, entro il 30 di Aprile, per approvare il rendiconto economico – finanziario dell’esercizio precedente e per fornire al Consiglio le linee programmatiche per il successivo. L’Assemblea si riunisce in via straordinaria ogni qualvolta lo richieda il Consiglio Direttivo o un terzo degli associati. L’Assemblea, sia in seduta ordinaria che straordinaria, delibera a maggioranza semplice ed è validamente costituita, in prima convocazione, con la presenza della metà più uno degli aventi diritto; in seconda convocazione l’assemblea è valida, qualunque sia il numero degli intervenuti; la seconda convocazione deve essere fissata ad almeno un’ora di distanza dalla prima. Per lo scioglimento dell’Associazione è necessario il voto favorevole dei tre quarti degli intervenuti. L’assemblea è presieduta dal Presidente o, in caso di suo impedimento, da un socio designato dalla medesima. Le deliberazioni sono constatate con processi verbali firmati dal Presidente e dal Segretario che restano custoditi nella sede per poter essere liberamente consultati dagli associati. Il rendiconto economico – finanziario resta, inoltre, affisso all’albo per i venti giorni successivi alla sua approvazione. Spetta tra l'altro all'assemblea approvare i bilanci sociali, decidere sulle affiliazioni o adesioni, eleggere o revocare il Consiglio Direttivo. L’assemblea dei soci, atleti, tesserati e tecnici nominerà i propri rappresentanti con diritto di voto in seno agli organi ove previsto.

Art. 7) CONSIGLIO DIRETTIVO
L’Associazione è diretta ed amministrata da un Consiglio Direttivo che si compone di tre membri: Presidente, Vicepresidente e Segretario, eletti liberamente a maggioranza semplice dell’Assemblea tra gli associati. Il Consiglio dura in carica un quadriennio è revocabile ed è rieleggibile. Il Consiglio è investito, da parte dell’Assemblea, dei più ampi poteri per la questione ordinaria dell’Associazione e, pertanto, potrà compiere, in persona del Presidente o del vicepresidente tutti gli atti di ordinaria amministrazione ed in particolare, contrarre obbligazioni, assumere impegni, aprire c/c bancari o postali e compiere inoltre, alla nomina dei dipendenti, collaboratori, consulenti, direttori tecnici, istruttori determinandone gli emolumenti o compensi e/o i rimborsi spesa. Gli incarichi di istruzione possono essere attribuiti anche a componenti del Consiglio medesimo. Il Consiglio Direttivo, convocato e presieduto dal Presidente, delibera a maggioranza semplice con la presenza dei due terzi dei suoi componenti: I componenti del consiglio direttivo non potranno ricoprire cariche sociali in altre società e associazioni sportive nell’ambito delle medesime discipline sportive dilettantistiche.

Art. 8) CARICHE SOCIALI
Il Presidente ha la rappresentanza legale ed i poteri di firma dell’Associazione, cura l’esecuzione dei deliberati dell’Assemblea e del Consiglio Direttivo e decide in ordine all’ammissione ai servizi dell’Associazione dei tesserati AICS. Il vicepresidente coadiuva il Presidente in tutti i suoi compiti e lo sostituisce, con eguali poteri quando necessario. Il Segretario collabora alla gestione dell’Associazione, cura la tenuta dei libri sociali e segue gli adempimenti contabili ed amministrativi.

Art. 9) SCIOGLIMENTO
Lo scioglimento dell’Associazione è deliberato dall’Assemblea. Verificatosi lo scioglimento, o qualunque altra causa di estinzione, il patrimonio residuo verrà devoluto ad Enti o Associazioni che perseguono gli stessi scopi sportivi dell’Associazione o a fini di utilità pubblica sentendo l’organismo di controllo di cui all’art. 3, com.190.1. 662/96 .

Art. 10) STATUTO / REGOLAMENTI
Le modifiche dello Statuto devono essere approvate dall’Assemblea. L’Associazione può anche dotarsi di Regolamenti interni che devono sempre essere approvati dall’Assemblea.

Art. 11) COLLEGIO ARBITRALE
Tutte le eventuali controversie tra gli associati e tra questi e l’Associazione o i suoi organi, saranno sottoposte al giudizio di un Collegio Arbitrale costituito secondo le regole dell’Ente affiliante. In tutti i casi ove non fosse possibile comporre il Collegio secondo le indicazioni dell’Ente di appartenenza questo sarà composto di tre membri, soci dell’Associazione, che giudica inappellabilmente ed a titolo definitivo e senza particolari prescrizioni di rito. I componenti del Collegio Arbitrale sono designati rispettivamente una da ciascuna delle parti in contestazione ed il terzo, che assume la veste di Presidente, dai primi due arbitri o, in caso di disaccordo, dal Presidente del Tribunale territorialmente competente. Il deliberato del Collegio Arbitrale vincola tutti gli associati e l’Associazione ed i suoi organi, rinunciando le parti contraenti sin d’ora per allora a qualsiasi impugnativa del lodo arbitrale.

Art. 12) RIMANDI
Per quanto non previsto dal presente statuto si fa riferimento alle disposizioni previste dagli art. 36 e seguenti del Codice Civile, allo statuto ed ai regolamenti del CONI e dell’ ACSI ed alle normative vigenti in materia di associazionismo in quanto applicabili.
Letto, approvato e sottoscritto
Loncon di Annone Veneto (VE) , li 16 Maggio 2005

NEWSLETTER MAGGIO

2018

BACHECA VIRTUALE

 

Sarà la page dove troverete tutte le info necessarie per la partecipazione alla vita associativa; dalle comunicazione, alle assemblee, riunioni etc. Un valido strumento per supplire alla distanza che separa i soci, permettendo di comunicare agevolmente a tutti gli associati.

COMING  SOON

 

 

 

ASSEMBLEA ORDINARIA 2018

 

A breve si terrà l'assemblea ordinaria annuale, la data esatta verrà comunicata tramite messaggio apposto in 

- BACHECA UFFICIALE ( PISTA DI  TOLMEZZO)

- BACHECA VIRTUALE  COMING SOON

 

Il verbale di assemblea, verrà salvato i in forma PDF e sarà scaricabile dai soci dai soci che ne faranno richiesta.

Le nostre assemblee vengono anche proposte in streaming via web, ma ricordiamo che in funzione della legge sulla privacy, è di fatto proibita la registrazione della assemblea senza previa autorizzazione di tutti i componenti.

INFO E TESSERAMENTI

 

Per aderire alla ASD e prendere parte alle sue attività è indispensabile essere tesserati. Chiunque voglia partecipare ai nostri corsi, ai nostri raduni, alle nostre gite, alle attività agonistiche, o sermplicemente a guidare in pista presso il nostro autodromo a Tolmezzo sono tenuti all'obligo del tesseramento. Per la domanda di tesseramento e tutte le info necessarie,

cliccate QUI

CODICE ETICO

 

Art. 1 – Premessa

L'Associazione Sportiva Dilettantistica e Sociale ROCKNROAD RACING  opera nell’ambito sportivo del Motociclismo  in particolare e tutte le specialità  legate ai motori in generale ( quali Automobilismo, kart, quad, etc.).

L'Associazione riconosce lo sport quale strumento sociale, educativo e culturale ed aderisce ai principi del Fair Play, promuovendo e garantendo un ambiente sportivo ispirato ai concetti di lealtà, correttezza, amicizia e rispetto per gli altri.

L'Associazione ripudia ogni forma di discriminazione e di violenza, la corruzione, il doping e qualsiasi cosa possa arrecare danno allo sport.

Art. 2 – Il Codice Etico

Il Codice Etico dell’Associazione reca norme sostanziali e comportamentali che dovranno essere rispettate da tutti coloro che operano, sia su base volontaristica che professionistica, in seno all’Associazione nell’ambito delle rispettive competenze ed in relazione alla posizione ricoperta.

Art. 3 – I destinatari

Il presente Codice si applica ai seguenti soggetti:

  • dirigenti;

  • staff tecnico;

  • atleti e chiunque svolga attività agonistica o sportiva;

  • accompagnatori e/o genitori degli atleti;

  • staff medico;

  • collaboratori, consulenti esterni ed ogni altro soggetto che agisca nell’interesse dell’associazione;

  • sponsor.

Il Codice Etico si applica comunque a tutti i tesserati e a tutti coloro che lo sottoscrivono volontariamente.

Art. 4 – Efficacia e Divulgazione

L’iscrizione all’Associazione comporta l’accettazione incondizionata del presente Codice. Copia del Codice Etico è a disposizione  di tutti i soggetti destinatari sopraindicati, oltre che in bacheca  è pubblicata anche  sulla pagina dedicata del sito ufficiale www.rocknroadracing.com  pagina che viene linkata con la mail di benvenuto ad ogni nuovo socio; tutti sono pertanto tenuti a conoscerne il contenuto, ad osservare tutte le disposizioni in esso contenute, a contribuire alla loro applicazione, nonché ad assumersi le responsabilità conseguenti alla loro violazione che costituisce grave inadempienza ed è meritevole delle sanzioni disciplinari all’uopo previste dall’Associazione. L’ignoranza del Codice Etico non può essere invocata a nessun effetto.

Il Codice Etico esplica i propri effetti dal momento della sottoscrizione.

Art. 5 –  L'Associazione

L’Associazione s'impegna a:

  • operare nel pieno rispetto dell’ordinamento giuridico e sportivo vigente e ad uniformare le proprie azioni e comportamenti ai principi di democrazie, lealtà, onestà, correttezza e trasparenza in ogni aspetto riferibile alla propria attività;

  • diffondere una sana cultura sportiva, promuovendo e garantendo un ambiente che premi sia il Fair Play che il successo agonistico.

L'Associazione, inoltre, garantisce che:

  • tutti i suoi membri con responsabilità istruttive sono qualificati per guidare, formare, educare ed addestrare le diverse fasce di età;

  • la salute, la sicurezza ed il benessere psico-fisico degli atleti, con particolare riferimento ai  giovani, assumono un ruolo primario e quindi l’impegno sportivo ed agonistico richiesto, in relazione all’età, è adeguato alle condizioni fisiche ed al livello di preparazione e qualificazione raggiunto.

Art. 6 –  I Dirigenti

I dirigenti dell’Associazione s'impegnano a:

  • adeguare il proprio operato ai principi del presente Codice Etico;

  • rispettare le leggi ed applicare tutte le norme di buona gestione delle attività sociali e delle risorse umane;

  • adottare sempre le migliori pratiche disponibili e stimolare al miglioramento continuo tutti i collaboratori;

  • rifiutare ogni forma di corruzione/concussione.

Inoltre i dirigenti, in qualità di garanti del Codice Etico, hanno il compito di:

  • divulgare il presente Codice e vigilare sul rispetto delle norme in esso previste;

  • pronunciarsi sulle violazioni ed adottare eventuali azioni disciplinari;

  • esprimere pareri in merito a scelte di politica societaria al fine di garantirne la coerenza con le disposizioni del Codice Etico;

  • procedere alla periodica revisione del Codice.

Art. 7 – Lo Staff Tecnico

Gli istruttori devono tenere un comportamento esemplare che costituisca un

modello positivo sia nell’ambito sportivo che educativo, e devono  trasmettere ai propri atleti valori come rispetto, sportività, civiltà ed integrità che vanno al di là del singolo risultato sportivo e

che sono il fondamento stesso dello Sport. A tale scopo gli allenatori e gli istruttori s'impegnano a:

  • comportarsi sempre secondo i principi di lealtà e correttezza;

  • promuovere lo sport e le sue regole esaltandone i valori etici, umani ed il Fair Play;

  • non premiare comportamenti sleali, ma condannarli applicando sanzioni appropriate;

  • rispettare gli ufficiali e i giudici di gara nella certezza che ogni decisione è presa in buona fede ed obiettivamente;

  • rispettare tutti gli atleti, sia della squadra propria che di quelle avversarie, evitando atteggiamenti, frasi o gesti che possano offenderli;

  • creare un’atmosfera e un ambiente piacevoli, anteponendo il benessere psico-fisico degli atleti al successo agonistico;

  • trovare soluzioni aperte e giuste in caso di conflitti;

  • sostenere e partecipare ad ogni iniziativa societaria volta alla promozione dello sport, dei suoi valori e principi etici, o comunque con finalità di carattere sociale ed educativo.

Art. 8 –  Gli Atleti

Gli atleti e tutti i praticanti attività sportiva devono  perseguire il risultato sportivo ed il proprio successo personale nel rispetto dei principi previsti dal presente Codice Etico. Pertanto gli atleti, consapevoli che il loro comportamento contribuisce a mantenere alto il valore dello Sport, s'impegnano a:

  • onorare lo sport e le sue regole attraverso una competizione corretta, competendo  al meglio delle proprie possibilità e condizioni psico-fisiche, e comportandosi sempre secondo i principi di lealtà e correttezza;

  • rifiutare ogni forma di doping;

  • rispettare i compagni di squadra, lo staff tecnico e quello medico;

  • rispettare gli avversari e i giudici, sicuri che le decisioni di questi ultimi sono sempre prese in buona fede ed obiettivamente;

  • tenere un comportamento esemplare e usare sempre un linguaggio appropriato ed educato.

  • garantire che la salute e il benessere psico-fisico degli atleti venga prima di qualsiasi altra considerazione;

  • valorizzare le naturali potenzialità fisiche e le qualità morali degli atleti;

  • non somministrare sostanze alteranti o dopanti.

 

Art. 9 –   Azioni Disciplinari

Eventuali violazioni del presente Codice Etico da parte di chiunque saranno valutati dal Consiglio Direttivo  che avrà il compito di verificare la notizia e quindi ascolterà le testimonianze di tutte le parti in causa. Nel caso di accertamento delle violazioni, il Consiglio Direttivo deciderà l'azione disciplinare da intraprendere.

Le azioni disciplinari possibili sono le seguenti:

  • richiamo verbale non ufficiale, nei casi  di mancanze di minore entità

  • richiamo ufficiale verbale o scritto, nei casi di ripetute trasgressioni non gravi;

  • sospensione dall’attività per un periodo di tempo, nei casi di gravi violazioni delle norme e/o reiterate ammonizioni;

  • espulsione dall'Associazione, nei casi di gravi violazioni delle norme e/o comportamenti incompatibili con i valori e i principi del Codice etico.

Ogni tipo di decisione adottata deve essere comunicata al diretto interessato.

                         APPROVATO E SOTTOSCRITTO DAL PRESIDENTE                                                                DELLA ASD ROCKNROAD RACING

                                                   ANNONE VENETO, Lì 12/01/2015